PATTO di BASE PUGLIA - Ordini del Giorno Approvati all'unanimità

Bari -

Il 6 marzo 2009 si è tenuta a Bari, presso il Dopolavoro Ferroviario, l'Assemblea regionale, promossa dal Patto di Base Pugliese, alla quale hanno partecipato decine di Delegati/e del mondo del lavoro pubblico e privato oltre ad esponenti della Rete 28 Aprile, di alcune Associazioni ambientaliste e forze politiche.

I presenti dopo diversi interventi hanno approvato all'unanimità due Ordini del giorno ed una mozione di seguito riportati.

 

ORDINE del GIORNO

a difesa del Diritto di Sciopero

 

Oggi, venerdì 6 marzo 2009, presso il Dopolavoro Ferroviario di Bari si è tenuta l’Assemblea regionale promossa dalle OO.SS. CUB, COBAS e SdL Intercategoriale della Puglia.

 

Dopo ampio dibattito, l’Assemblea giudica inaccettabile il tentativo messo in atto dal Governo di una ulteriore restrizione, se non una vera e propria cancellazione, del diritto di sciopero, a tutt’oggi costituzionalmente tutelato ed indisponibile, per impedire il conflitto sociale, ben sapendo che i costi della crisi si stanno scaricando proprio sui lavoratori.

In merito al disegno di legge presentato prendendo a pretesto le esigenze degli utenti - che per ora riguarda il settore dei trasporti ma temiamo sarà esteso ovunque - è doveroso precisare che la maggiorparte degli scioperi nei trasporti sono conseguenti alle inadempienze da parte delle Aziende. Il contratto di lavoro è scaduto da oltre 14 mesi e non c’è alcuna seria sanzione nei loro confronti.

Per determinare, tra l’altro, quali organizzazioni concorrano ad avere il 50% di adesioni nella categoria sarebbe necessario, ed auspicabile, che le Aziende provvedessero ad accettare le Deleghe sindacali di tutte le Organizzazioni, cosa che oggi non avviene per i sindacati di base, così come per poter esercitare il Referendum sarebbe necessario fruire del diritto di Assemblea nei luoghi di lavoro, oggi negato nelle Aziende.

E’ pertanto evidente che il vero scopo del Governo non è quello di tutelare l’utenza ma quello di prevenire gli inevitabili conflitti che nei prossimi mesi i lavoratori dei Trasporti metteranno in campo per rivendicare i loro sacrosanti diritti.

L’Assemblea esprime pieno sostegno a tutte le iniziative che verranno intraprese anche a livello territoriale per contrastare tali progetti e si impegna a programmare un forte momento di mobilitazione anche nella nostra regione, coinvolgendo tutti i soggetti e le forze politiche, sociali e sindacali interessati ad impedire la continua devastazione dei diritti conquistati in decenni di lotta e la stessa tenutademocratica nell’intero paese.

In tal senso, si invitano le/i Delegate/i della categoria dei Trasporti a calendarizzare in tempi brevi una specifica riunione.

 

 

ORDINE del GIORNO

per una Mobilitazione Regionale

 

Oggi, venerdì 6 marzo 2009, presso il Dopolavoro Ferroviario di Bari si è tenuta l’Assemblea regionale promossa dalle OO.SS. CUB, COBAS e SdL Intercategoriale della Puglia.

 

Dopo la discussione, alla quale hanno partecipato Delegati/e sindacali di enti, uffici ed aziende del mondo del lavoro pubblico e privato, Precari e cassintegrati, oltre a vari esponenti dell’associazionismo pugliese, delle forze politiche e sociali, l’Assemblea condivide la “piattaforma contro la crisi”, approvata a Roma il 7 Febbraio u.s. a conclusione della seconda Assemblea Nazionale dei Delegati/e del sindacalismo di base.

 

Esprime la propria adesione alle prossime due scadenze di lotta già programmate per Sabato 28 Marzo a Roma con la Manifestazione nazionale in occasione della riunione del G14 (i ministri del lavoro delle 14 maggiori potenze mondiali) e per Giovedì 23 Aprile con la proclamazione dello Sciopero Generale.

 

L’Assemblea, inoltre, individua alcuni punti, tra quelli contenuti nella citata “piattaforma nazionale contro la crisi”, che assumono una rilevanza particolare in Puglia e sui quali propone di sviluppare il confronto con tutti i soggetti sociali, le forze politiche e le associazioni democratiche presenti sul territorio in modo da definire un percorso condiviso e comunefinalizzato a mettere in campo una forte mobilitazione a livello regionale, magari in occasione del suddetto sciopero del 23 aprile p.v..

In tal senso l’Assemblea ritiene di mettere al centro di detta mobilitazione, ponendo  all’attenzione del Governo e di tutte le istituzioni regionali, alcune tematiche a partire da:

·        privatizzazione dei servizi pubblici e beni comuni

(trasporti, scuola, previdenza, acqua, ecc…);

·        disoccupazione, cassintegrazione precarietà del lavoro e della vita;

·        reddito sociale;

·        sicurezza sui luoghi di lavoro;

·        tutela ambientale.

 

 

MOZIONE

 

 

L'assemblea regionale del Patto di Base (CUB, SdL Intercategoriale, Confederazione COBAS) tenutasi a Bari il 6 marzo 2009 all'unanimità accoglie la proposta di partecipazione alla manifestazione nazionale che si terrà a Taranto il 18 aprile 2009 contro i morti sul lavoro, da lavoro e da inquinamento ambientale.

Impegna le singole Confederazioni componenti il Patto di Base ad attivarsi con iniziative e dibattiti per tutta la regione su queste tematiche al fine della costruzione e della migliore riuscita della stessa manifestazione.

 

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni