ILVA Taranto, sciopero del 31 Ottobre p.v. - LA SALUTE NON È TUTTO MA… SENZA SALUTE TUTTO È NIENTE !!!

Taranto -

DAL 9 OTTOBRE NON È CAMBIATO NULLA,

IL 31 BISOGNA SCIOPERARE !!

 

Lo scorso 6 Ottobre, le Organizzazioni Sindacali ricevettero la convocazione al MISE per l’inizio della trattativa sulla nota di apertura ex art. 47 l. 428/1990, 63 d.lgs. 270/1999 e 5 del 347/2003.

La base di partenza per iniziare la trattativa era lo ricordiamo a tutti:

1) Assunzione con nuovi contratti e, quindi con la nuova normativa, il famoso JOBS ACT, di circa 9885 lavoratori (7600 a Taranto) tramite MITTAL O AZIENDE ASSOCIATE alla stessa, con implicita accettazione dei dipendenti alla SOTTOSCRIZIONE DI UN VERBALE CONCILIATIVO INOPPUGNABILE contenente le rinunce da far valere nei confronti di AM Investco a qualsiasi titolo sul precedente rapporto di lavoro.

2) Azzeramento dei diritti acquisiti (pre, pro, pdr, scatti, premi ecc..) con una PERDITA SECCA DI CIRCA € 7.000,00 - 8.000,00 PRO CAPITE all’anno.

3) COMPLETAMENTO DEL PIANO AMBIENTALE ENTRO IL 2023.

 

Quindi in pratica 4100 esuberi dichiarati, di cui 3311 a Taranto, contratti senza la garanzia dell’articolo 18, azzeramento dei diritti acquisiti e tempi laconici sull’applicazione di un AIA che così come è formulata, non dà nessuna garanzia di risolvere le drammatiche questioni SANITARIE e AMBIENTALI che si abbattono sui lavoratori e i cittadini e nessuna garanzia sugli appalti.

In conclusione, dallo sciopero del 9 ottobre u.s. nulla è cambiato ufficialmente, la nota di apertura di MITTAL è sempre la stessa e la convocazione parte dalle sue esigenze.

Accettare di iniziare la trattiva vuol dire accettare di ragionare su esuberi, scorporo, jobs act ecc… poi sicuramente ci faranno lo sconto, ma comunque pagheremo un prezzo salatissimo.

Proprio per questo riteniamo DOVEROSO SCIOPERARE DOMANI per continuare a dire che noi:

NON TRATTIAMO SUGLI ESUBERI, perché non ce ne sono

NON ACCETTIAMO LO SCORPORO IN PIU’ AZIENDE, perché la divisione serve ad indebolirci NON CEDEREMO 1 CENTESIMO sui diritti acquisiti perché ce li siamo conquistati con il sudore NON ACCETTEREMO NUOVI CONTRATTI COL JOBS ACT, per poi essere ricattati a vita

NON ACCETTIAMO UN AIA CHE NON GARANTISCE SALUTE E AMBIENTE

E PRETENDIAMO:

TUTTI NELLA STESSA SOCIETA’ ALLE CONDIZIONI ATTUALI

GARANZIE PER I LAVORATORI APPALTO ILVA

ABBATTIMENTO DELLA TEMPISTICA AIA

INTRODUZIONE DELLE MIGLIORI TECNOLOGIE ESISTENTI SUL MERCATO

INTRODUZIONE DELLA VALUTAZIONE DEL DANNO SANITARIO VINCOLANTE

 

IL 31 SCIOPERIAMO PER DIFENDERE I NOSTRI DIRITTI, LA NOSTRA SALUTE,

IL NOSTRO TERRITORIO!!!

 

LA SALUTE NON È TUTTO MA … SENZA SALUTE TUTTO È NIENTE !!!

 

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni