FOGGIA - Comunicato solidarietà Dirigente sindacale RdB

Bari -

In merito alle dichiarazioni rilasciate da qualche “politico di turno”, in questa occasione dal Consigliere Regionale Damone, e riportati in alcuni articoli di stampa relativi alla vicenda Sanità Service di Foggia, come sindacato RdB-CUB siamo costretti, nostro malgrado, a ribadire che da sempre abbiamo manifestato la nostra piena contrarietà a qualsiasi progetto di esternalizzazione e di privatizzazione dei servizi pubblici.

In tutti questi anni siamo stati in prima linea con le nostre analisi, le nostre critiche, le nostre proposte, le nostre iniziative e le tantissime lotte messe in campo insieme a migliaia di lavoratori, per contrastare tale fenomeno che ha procurato un’enorme sperpero di denaro pubblico e il dilagare della precarietà. anche nella nostra Regione.

In Puglia, in particolare nel Settore della Sanità, abbiamo toccato con mano e dimostrato con dati inconfutabili che  le esternalizzazioni dei servizi costavano il 40% in più rispetto ai costi interni, mentre contestualmente i Lavoratori venivano pagati miseramente, sfruttati e ricattati da condizioni di lavoro ed economici intollerabili.

Come RdB-CUB, non abbiamo esitato a denunciare le pesanti responsabilità politiche dei diversi governi succedutisi nel corso degli anni, sostenuti quasi sempre da sindacati compiacenti se non complici, che hanno alimentato la parcellizzazione del lavoro tramite il sistema delle “Cooperative”, molte delle quali, lontane dagli obiettivi di cooperazione sociale delle loro origini, si sono rivelate come veri e propri “comitati di affare” che gestivano i servizi non garantendo ai Lavoratori tutti i loro diritti. In tal senso la vicenda del Servizio del 118 rappresenta sicuramente uno degli esempi più emblematici.

Ed è in questo difficile e delicato quadro che le RdB-CUB, in totale solitudine, si sono mobilitate e, dopo molti anni di lotta, sono riuscite ad aprire un serio confronto con l’attuale Governo regionale che ha portato, almeno in qualche territorio provinciale come Foggia, a far “rientrare” i servizi appaltati all’esterno in un’unica società, la Sanitàservice, interna all’ASL FG (in house), che ha messo fine agli affidamenti selvaggi di incarichi alle cooperative, sul fronte dell’ausiliariato, del portierato e del giardinaggio, nonché del 118 e della manutenzione.

Una esperienza che da quando è partita ha prodotto risparmi notevoli ai bilanci dell’azienda e, quindi, della collettività, e, soprattutto, ha dato una sicurezza lavorativa, diritti e tutele  e concreti miglioramenti economici a centinaia di Lavoratori. Sono queste e non altre le ragioni che hanno spinto gli stessi Lavoratori a riconoscere con la loro adesione il ruolo e l’impegno profuso dall’intera organizzazione sindacale e da coloro che hanno gestito tutti i passaggi di questa difficile vertenza.

 

 

 

 

Pertanto, rimandiamo al mittente le inaccettabili insinuazioni rivolte dal Consigliere regionale Damone ad un nostro Dirigente Sindacale, Santo Mangia, accusandolo di fare proselitismo “costringendo” i Lavoratori ad iscriversi alle RdB-CUB. Non è accettabile che per fini politici poco nobili si tenti di screditare e gettare ombre sull’impegno, la determinazione e l’abnegazione di persone che hanno come solo ed unico scopo quello della tutela sindacale dei Lavoratori.

Evidentemente il sig. Damone conosce solo i metodi di solito adottati da altre sigle, e probabilmente non immagina neanche lontanamente, né tantomeno conosce il modo di essere e di operare di un sindacato di base, alternativo e realmente indipendente dai padroni e da tutti i partiti politici.

La verità, forse, risiede nella volontà di alcune forze politiche e potentati economici di boicottare l’operazione Sanitàservice per quel che può rappresentare in prospettiva.

Come RdB-CUB riteniamo che la Giunta ed il Consiglio Regionale debba invece trarre insegnamento e spunto da questa sperimentazione e procedere senza indugio ad un vero e generalizzatopercorso di re-internalizzione dei servizi nella sanità in tutto il territorio pugliese, mettendo la parola fine alla precarietà, al clientelismo, allo spreco ed a parassitismo.

 

Bari, 13 febbraio 2009

 

Esecutivo Federazione Regionale

RdB-CUB Puglia

 

Esecutivo Federazione Provinciale

RdB-CUB Foggia

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni