exLSU pulizie Scuole - NO ai TAGLI

presidi e sit-in in tutta Italia

Bari -

 

COMUNICATO URGENTE a tutti i LAVORATORI ex LSU

dipendenti Ditte e Cooperative di pulizia nelle Scuole e co.co.co.

 

 

Oggi in diverse piazze è arrivata la protesta dei Lavoratori ex LSU e dei Co.Co.Co. della Scuola contro i tagli.

A Bari una Delegazione dei lavoratori incontra il Prefetto.

 

 

Oggi in molte città italiane i lavoratori ex LSU e i Co.co.co del mondo della Scuola hanno messo in atto una forte protesta contro i tagli ai servizi nella Scuola pubblica previsti dalla legge Finanziaria in discussione in Parlamento che mettono a rischio moltissimi lavoratori:15.000 ex LSU impegnati nei servizi di pulizia e 3.000 Co.co.co. nelle segreterie, per i quali sono state già avviate le procedure di licenziamento collettivo.

 

A Bari, cosi come a Roma, Napoli, Cosenza, Benevento, Potenza, Foggia, Latina, Rieti solo per citarne alcune, si sono tenuti presidi, manifestazioni e sit-in organizzati dalle RdB-CUB alle quali  hanno partecipato migliaia di Lavoratori.

 

In concomitanza con le iniziative si sono tenuti una serie di incontri con i Prefetti, ai quali sono state illustrate le ragioni della protesta, le richieste e le preoccupazioni dei lavoratori insieme a quelle per il mantenimento dei servizi nelle scuole, dove il lavoro di segreteria e di pulizia è svolto quasi esclusivamente dai lavoratori a rischio licenziamento.

 

Ai Prefetti, inoltre, i Lavoratori hanno sottolineato la grave situazione che si prospetta con l’incombente minaccia per migliaia di famiglie e, nello stesso tempo, con la chiusura totale delle numerose Scuole nelle quali il servizio di pulizia, oltre che quello di Segreteria, è svolto quasi esclusivamente dai suddetti lavoratori.

 

In modo, altrettanto chiaro, è stata ribadita l’esigenza non solo di assicurare continuità di lavoro a tutti, senza lasciare a casa nessun lavoratore, prevedendo la copertura economica già nella prossima Finanziaria, ma anche di finirla con una politica di tagli ed esternalizzazioni.

 

Il vero “risparmio” si può avere solo con l’internalizzazione dei servizi e l’assunzione in pianta stabile degli ex LSU e dei Co.Co.Co., riconoscendo a questi lavoratori “dignità” e le professionalità acquisite in tanti anni come Collaboratori Scolastici.

 

RdB-CUB, insieme alla Confederazione Cobas e SdL Intercategoriale hanno già intrapreso le procedure per proclamare lo sciopero dei lavoratori dei consorzi e dei Co.co.co, che si terrà per l’intera giornata di venerdì 21 novembre.

Venerdì 21 novembre sciopero dell’intera giornata proclamato

da RdB-CUB, Cobas e SdL

 

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni