ex LSU: non ci fermeranno. Continueremo la mobilitazione!

   COMUNICATO A TUTTI I LAVORATORI  EX-LSU

 

 

Il “TAVOLO TECNICO” del 22 u.s. tenutosi al MIUR, al quale Consorzi, cgil,cisl e uil hanno fino all’ultimo impedito alla USB di partecipare, si è concluso con qualche concessione alle aziende ma con nessun beneficio per i lavoratori ai quali si chiede di pagare tutti i costi dei tagli e dello spreco delle esternalizzazioni.

 

In particolare il tavolo ha deciso:

- confermate le proroghe degli attuali appalti fino a giugno c.a. a parità di salario e il fermo estivo senza salario.

- confermata l’applicazione della direttiva 103 del 30 dicembre 2010 che comporterà  un taglio secco degli orari di lavoro con differenze di entità a seconda dell’esubero rispetto ai posti accantonati con il 25% in ciascuna scuola e in alcune situazioni territoriali anche tagli di posti di lavoro. Le  scuole utilizzeranno per 2011/2012 la forma di gara del “cottimo fiduciario” cioè chiederanno preventivi a diverse ditte (comprese quelle attuali e di rilevanza almeno provinciale, come richiesto dai Consorzi) e dovranno chiedere preventivi che prevedano l’applicazione del CCNL delle imprese di pulimento e multi servizi come base di calcolo anche del costo orario (come chiesto dai Consorzi per garantirsi rispetto alla concorrenza al ribasso).

- l’applicazione del CCNL delle imprese di pulizia con l’art.4 (c.d. Clausola Sociale) comporterà che l’azienda subentrante dovrà rilevare l’attuale personale ma, visto che si tratterà di un appalto al ribasso, con orari ridotti in proporzione alle risorse disponibili (tagli variabili fino al 50% degli attuali orari), in alcuni casi si verificheranno comunque esuberi e licenziamenti.

- il MIUR convocherà un tavolo con il Ministero del Lavoro e Il Ministero dell’Economia per avanzare la richiesta che vengano attivati ammortizzatori sociali volti alla copertura dei mesi di fermo estivo, all’accompagnamento alla pensione e all’incentivazione per gli Enti pubblici e locali che volessero farsi carico degli esuberi

 

I consorzi e cgil, cisl e uil hanno discusso sul tavolo su come applicare la Direttiva Gelmini e difendere gli attuali appalti a inevitabile danno dei lavoratori, visto che difendendo i consorzi e le esternalizzazioni hanno di fatto consentito al MIUR - conseguentemente ai tagli - di emanare le imminenti circolari attuative della direttiva Gelmini, e ne sono usciti senza un verbale solo per non perdere la faccia.

Come USB abbiamo invece convocato un presidio di protesta sotto il MIUR per chiedere l’assunzione diretta e il prepensionamento, tagliando lo spreco dell’utile delle aziende – una inutile “tangente” che pagheranno ancora una volta i lavoratori che vedranno dimezzati i loro stipendi e addirittura licenziamenti e mobilità.

 

A seguito del presidio la Usb con una delegazione di lavoratori è stata ricevuta dai tecnici del Ministero che hanno dovuto ammettere che la esternalizzazione e il mantenimento del regime di appalto tanto difeso dai consorzi e dai sindacati concertativi comporterà di fatto tagli pesantissimi.

Con la reinternalizzazione i tagli non sarebbero necessari, come abbiamo dimostrato presentando una nostra proposta. Infatti le attuali risorse disponibili, seppur ridotte, consentirebbero l’assunzione negli organici ata  gia’ accantonati (e agli attuali orari) di 18.000 addetti alle pulizie e di tutti i co.co.co., il rinnovo dei contratti senza ulteriori decurtazioni per gli appalti non ex-lsu e il prepensionamento di 5.000 unità.

PER QUESTI MOTIVI NOI NON CI FERMEREMO CON LE MOBILITAZIONI

e con INIZIATIVE SEMPRE più FORTI PER DIFENDERE  SOLO I LAVORATORI E IL SERVIZIO

PER DIRE CHIARO ALLA POLITICA DI FARE UN SCELTA DIVERSA E DIRE BASTA ALLA DIFESA

DEGLI INTERESSI PRIVATISTICI SULLA PELLE DEI LAVORATORI E DEI CITTADINI.

L’ASSUNZIONE E’ L’UNICA SOLUZIONE PER DIFENDERE I SERVIZI E I LAVORATORI!!

 

 Ai Sindacati concertativi che il 22 non hanno volutamente mobilitato i lavoratori e che oggi a cose fatte fanno finta di “cadere dalle nuvole” indicendo manifestazioni che hanno il sapore della beffa diciamo: fatela finita di usare i lavoratori come merce di scambio! Cambiate rotta e difendete il lavoro! Smettetela di chiedere soldi per le imprese e solo elemosine per i lavoratori!!

 

Ai lavoratori ex-lsu diciamo: non fatevi strumentalizzare, la lotta e la mobilitazione devono continuare fino a quando:

 

I TAGLI NON SARANNO I LAVORATORI A PAGARLI!  DENTRO I LAVORATORI FUORI LE DITTE!

SI alle ASSUNZIONI come personale ata sui posti accantonati e ai PREPENSIONAMENTI

NO  al RINNOVO degli APPALTI che tagliano salari e posti e aumentano precarietà e sfruttamento.

Ex-LSU partecipate alle assemblee che sui territori USB terrà per organizzare le prossime mobilitazioni abbandonate i sindacati “complici”: vendiamo cara la pelle!

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni