Ex Ilva, lo sciopero USB di martedì 10 prosegue la lotta per difendere i lavoratori e la città

Taranto -

Non uno sciopero per limitare i danni, come quello proclamato da Cgil, Cisl e Uil, ma un nuovo sciopero combattivo, dopo quello partecipatissimo del 29 novembre, proclamato dall’Unione Sindacale di Base per tutti i turnio di lavoro martedì 10 dicembre con manifestazione sotto gli uffici tarantini della multinazionale.

Alle iniziative della giornata di lotta parteciperanno anche quelle forze sociali e cittadine che già hanno affiancato USB nella giornata del 29 novembre condividendone le parole d’ordine e il programma di lotta che, dopo l’annuncio del piano di ArcelorMittal, tornano prepotentemente in primo piano.

Via ArcelorMittal da Taranto, nessun licenziamento e garanzie occupazionali per i lavoratori diretti e indiretti, nazionalizzazione finalizzata ad un accordo di programma che porti alla definitiva chiusura delle fonti inquinanti.

USB continuerà quindi ad incalzare anche questo governo e lo diffida dal proseguire in trattative con ArcelorMittal che ha dimostrato di non avere alcun reale interesse alla fabbrica, ai lavoratori, alla città.

 

Unione Sindacale di Base

Questo sito usa i cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per migliorare la tua navigazione, per analisi statistiche sull’utilizzo del sito in forma anonima e per usufruire dei servizi di terzi quali la visualizzazione di video e la condivisione dei contenuti sulle principali piattaforme social. Se vuoi saperne di più clicca sul link “Ulteriori informazioni”. Cliccando su "Abilita Cookie", presti il consenso all'uso dei cookie. I cookie tecnici saranno comunque utilizzati