Difesa, USB chiede la rimozione del vicedirettore dell’Arsenale di Taranto: violati i principi di trasparenza e imparzialità

Taranto -

Il Coordinamento nazionale USB Pubblico Impiego Difesa ha inviato al ministro Guerini formale richiesta di rimozione o declassamento del vicedirettore dell’Arsenale della Marina Militare di Taranto per violazione del principio di imparzialità e trasparenza e comportamento vessatorio ai danni di USB P.I. Difesa. A seguire il testo della lettera.

 

Alla c.a. MINISTRO della DIFESA, ON. GUERINI Lorenzo 

SOTTOSEGRETARIO alla DIFESA, ON. TOFALO Angelo, Delegato alle Relazioni Sindacali 
UFFICIO di GABINETTO del MINISTRO – ROMA 

STATO MAGGIORE DIFESA – ROMA 

STATO MAGGIORE MARINA – ROMA 

DIREZ. GENERALE per il PERSONALE CIVILE -ROMA

 

I principi e le regole degli obblighi di diligenza, che qualificano il corretto adempimento della prestazione lavorativa, hanno lo scopo di fornire ai dirigenti, modelli comportamentali diretti ad ispirare condotte conformi ai principi di trasparenza, correttezza, imparzialità, efficienza, lealtà e decoro nei rapporti interni ed esterni. La loro osservanza dovrebbe contribuire a mantenere un ambiente di lavoro sereno che valorizzi il benessere e tuteli la Salute dei Lavoratori, nel rispetto della dignità di ciascuno, evitando ogni forma di discriminazione a danno dei rappresentanti del Personale.  

Dalla documentazione, in accluso alla presente, si evince in modo inequivocabile, come detti principi siano stati violati nonostante i vani tentativi di stabilire corrette relazioni sindacali. Basterà verificare le richieste di informazioni formalizzate in merito alle misure precauzionali riguardanti il contagio e la diffusione del coronavirus Covid-19, mai riscontrate, per accertare la veridicità di tale inevitabile richiesta di rimozione dell’incarico.

Non è casuale l’esposto inviato alla Magistratura per la verifica e l’accertamento di eventuali omissioni in materia di igiene e sicurezza sui luoghi di Lavoro in ossequio ai dettami contenuti nel D.lgs. 81/2008 e successive modifiche ed integrazioni.

Si sottolinea, infine, come sia stato completamente disatteso l’invito, da parte dell’Ufficio di Gabinetto, di fornire riscontro a tutte le Organizzazioni sindacali, i questo particolare momento di difficoltà che investe tutta la Nazione.

Tenuto conto anche del principio dell’art. 97 della Costituzione riguardante il “buon andamento” della P.A., la scrivente non ritiene più tollerabile il comportamento adottato dal vicedirettore dell’Arsenale della Marina Militare di Taranto, poiché ritenuto altamente pregiudizievole nei confronti dei soggetti sindacali aderenti alla O.S. USB P.I., sindacato maggiormente rappresentativo.  

Confidando in una neutrale valutazione in merito a quanto richiesto dalla documentazione in allegato, si resta in attesa di riscontro ed a disposizione per ulteriori chiarimenti.

Distinti Saluti.

 

p.Coordinamento Nazionale USB P.I. Difesa

Costantino FERRULLI

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni