LSU... dal 1° gennaio rischiano di restare a casa!

Bari -

LSU... dal 1° gennaio rischiano di restare a casa!

 

Siamo alle solite i Lavoratori Socialmente Utili impegnati nei comuni da oltre 25 anni faranno, come spesso accade da anni, un fine anno amaro.

Nonostante la loro situazione di precarietà e sfruttamento è conosciuta da decenni ogni fine anno numerosi Enti Locali comunicano ai Lavoratori l’interruzione del servizio a partire dal 2 gennaio, il tutto in attesa della “convenzione” per il 2018 ed in attesa della stabilizzazione.

Insomma circa mille lavoratori (933 in Puglia) precari che da anni percepiscono un misero assegno sociale per garantire servizi indispensabili nei Comuni pugliesi rischiano di trovarsi senza alcun reddito e gli Enti Locali di non poter più garantire importanti servizi ai cittadini.

Abbiamo chiesto alla Regione Puglia, all’assessorato alle Politiche del Lavoro che tanto si è speso per questo Lavoratori, di verificare con urgenza tutte le possibilità per garantire continuità a questi lavoratori così come già fatto negli anni passati.

Una proroga utile al percorso di stabilizzazione che permetta continuità di servizi e garantirebbe certezza lavorativa.

Nel contempo invitiamo i Sondaci dei Comuni a non interrompere il proseguo delle attività lavorative.

 

USB Lavoro Privato - Puglia